Constatazione amichevole

Scopri come compilare la constatazione amichevole.
La Constatazione Amichevole di Incidente / Denuncia di Sinistro è un documento molto importante per la denuncia del sinistro e la richiesta di risarcimento danni. Compilata correttamente aiuta a velocizzare la gestione del sinistro ed evitare successive contestazioni su quanto accaduto.


Di seguito riportiamo, per ognuno dei 15 punti, come va correttamente compilato.
 
1.
Data: vanno indicate data e ora dell’incidente.
2.
Luogo: il luogo dove è avvenuto il sinistro: comune, provincia, via e il numero civico (se ce n’è uno vicino).
3.
Feriti: smarcare la casella “NO” se non ci sono stati feriti, barrare “SÌ” in caso di feriti anche lievi e compilare la sezione del modulo “Altre informazioni”.
4.
Danni materiali: indicare se l’incidente ha provocato danni a “Veicoli oltre A e B”, o ad oggetti, come recinzioni o altro. Smarcando il “SÌ”, per una o entrambe le opzioni, andranno indicati (sulla denuncia, a tergo) l’identità e l’indirizzo dei danneggiati.
5.
Testimoni: indicare se ci sono testimoni e, se ci sono, riportare se si tratta o meno di passeggeri a bordo del veicolo A o B.
6.
Contraente/Assicurato: dal certificato di assicurazione vanno recuperati i dati corretti del contraente della polizza: cognome, nome, codice fiscale (o partita IVA), indirizzo di residenza con comune, provincia, via e numero civico, il CAP, lo Stato di residenza e un recapito telefonico o e-mail.
7.
Veicolo: specificare la tipologia del veicolo coinvolto (es. auto o moto). Vanno poi indicati marca e tipo, numero di targa o telaio e stato di immatricolazione (es. Italia).
8.
Dati assicurazione dal certificato di assicurazione vanno copiati i seguenti dati: nome della compagnia, numero di polizza o carta verde con relativo periodo di validità, agenzia (ufficio o intermediario) con denominazione e recapiti. Indicare se la polizza copre anche i danni materiali al proprio veicolo (garanzia accessoria).
9.
Dati conducente: la persona che guidava l’auto al momento dell’incidente può non coincidere con l’intestatario della polizza, in ogni caso vanno riportati tutti i dati del conducente, inclusi il numero e il tipo di patente (categorie A, B, etc) e il periodo di validità.
10.
Dinamica incidente: indicare con una freccia il punto d’urto iniziale del veicolo: si tratta del dato principale nella ricostruzione della dinamica dell’incidente, in quanto ci dice come ha avuto inizio. Nel caso A abbia tamponato B, ad esempio, A metterà una freccia sulla parte anteriore dell’auto e B su quella posteriore.
11.
Danni visibili al veicolo: ciascun conducente riporterà i danni più evidenti che ha subito il proprio veicolo contrassegnandoli con una crocetta.
12.
Responsabilità: è importante barrare il campo giusto considerando nello schema Barem (clicca qui per maggiori informazioni sui criteri di determinazione della responsabilità). Nel prospetto è riportata la responsabilità del veicolo A (T= torto; C=concorsuale; R= ragione; NC= tipologia sinistro non verificabile).
13.
Disegno dinamica incidente: In questo riquadro qui si richiede uno schema grafico dell’incidente e non un’ opera d’arte: vetture stilizzate e frecce consentiranno di ricostruire il tracciato delle strade, la direzione di marcia di A e B, la posizione al momento dell’urto, i segnali stradali e i nomi delle strade.
14.
Osservazioni: ovvero note aggiuntive facolitative.
15.
Firma dei conducenti: la presenza di entrambe le firme dei conducenti attesta la validità del documento.
Scarica subito il modulo di
Constatazione Amichevole.

Scopri come va compilata correttamente la denuncia di sinistro.